HOME > I BLOG > Alessandra Rossi > I consigli del dentista per i bimbi che ancora non hanno denti: la prevenzione odontoiatrica per i neonati e la gravidanza
4

Il blog di Alessandra Rossi

di Alessandra Rossi

divisor
La prevenzione inizia da molto piccoli, persino durante la gravidenza

I consigli del dentista per i bimbi che ancora non hanno denti: la prevenzione odontoiatrica per i neonati e la gravidanza

La prevenzione odontoiatrica dovrebbe iniziare con la gravidanza. La letteratura scientifica è ormai concorde: la salute della bocca della mamma influenzerà quella del bambino che sta per nascere. In questo post proviamo a fornire qualche consiglio sui comportamenti da seguire e quelli da evitare.

È davvero molto probabile per una mamma che ha carie o altre infiammazioni trasmettere qualche problema al bambino: il contatto salivare tra una mamma e il neonato è molto frequente, assai più del passaggio padre –figlio o nonna-nipote. Capita spesso che una mamma assaggi il cibo utilizzando lo stesso cucchiaio o forchetta che userà per imboccare il bambino, solo per fare un esempio. Questo scambio di saliva non produrrà nessun problema se la mamma ha una bocca sana, può portare invece batteri in caso contrario.

La American Academy of Pediatric Dentistry  (AAPD) nel 2009 ha diffuso alcune linee guida per la “Prevenzione orale in epoca perinatale”, indicazioni su alcune cose da fare.

Mamma: cura e prevenzione per la tua bocca

La mamma dovrebbe avere una bocca sana: se ci sono patologie è bene affrontarle e risolverle, piuttosto che rimandarle. Allo stesso tempo si dovrebbe dedicare attenzione all’igiene orale quotidiana.

Nella fase finale della gravidanza può essere consigliato l’uso di collutori a base di clorexidina e di chewing gum allo xilitolo. Deve essere il dentista però a suggerire il loro uso, valutando che sono compatibili con la situazione generale della bocca.

Ridurre da subito i rischi di colonizzazione

È importante ridurre i rischi di colonizzazione batterica del cavo orale nel bambino da parte di batteri che potrebbero generale carie. Insomma, sin dai primi mesi bisognerebbe adoperarsi per evitare la formazione di una placca che potrebbe portare problemi ai denti molto più avanti.

Come fare? Evitare di condividere le posate tra bambini e adulti, ed evitare di “sciacquare” con la bocca il ciuccio dei bambini.

Le pastiglie al fluoro: in genere non servono

Le famose pastiglie al fluoro possono aiutare? La ricerca scientifica ci dice che in molti casi sono inutili. Le stesse “Linee guida per la prevenzione della carie nei bambini (0-12 anni)“ emanate dalla Società Italiana di Odontoiatria Infantile (S.I.O.I) nel 2008 ci dicono che non c’è nessuna evidenza scientifica riguardo alla  efficacia di integratori a base di  fluoro rispetto alla prevenzione della carie né nel nascituro né nella madre.

Sarebbe opportuno usare queste pastiglie solo se suggerito dal proprio dentista, in base alle caratteristiche del bambino e anche in base alla composizione dell’acqua nella zona.

Prevenzione e igiene orale per i più piccoli: un gioco in famiglia

Il latte materno aiuta anche a mantenere una bocca sana. Per quanto possibile, il bambino andrà allattato con latte materno: la sua efficacia come fattore protettivo e anti carie è confermata anche a livello scientifico.

Nella fase dello svezzamento, quando non si può usare uno spazzolino, è opportuno pulire delicatamente le gengive del bambino con una piccola garza: ciò consentirà al bambino di prendere confidenza con le manovre di pulizia del cavo orale, che diverrà nel tempo un’abitudine.

Appena possibile bisognerà iniziare a spazzolare i denti da latte. Chiaramente useremo uno spazzolino da denti per bambini, e chiaramente all’inizio saranno i genitori a eseguire lo spazzolamento.

Sarebbe opportuno creare una routine quotidiana in cui genitori e figli condividono questo momento; se il bambino vede i genitori lavarsi i denti tutti i giorni assieme a lui si può creare un modello ed un rinforzo comportamentale positivo, utile a superare ogni barriera di diffidenza nell’introduzione dello spazzolino nella bocca. Un gioco da fare con la mamma o il papà: cosa c’è di più divertente?

Il ruolo del dentista nella prevenzione

Il vostro dentista può aiutarvi a personalizzare questi consigli, a verificare se sono opportuni interventi specifici di prevenzione, a farvi vedere come eseguire la pulizia dei denti dei più piccoli.

Nello studio CSO abbiamo una grande attenzione ai bambini e  una grande esperienza nel lavoro con loro. I nostri medici sono sempre molto impegnati nella prevenzione saranno felici di rispondere a qualsiasi richiesta di chiarimento se verrete a trovarci nel nostro studio di Roma.

POTREBBERO INTERESSARTI

divisor

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.